La nube purpurea di Expo 2015


Stamattina, 5 settembre 2011, il cielo sopra Milano, sembrava l’incipit del libro di Matthew P. Shiel, “La nube purpurea”; in cui il protagonista, rimasto solo sulla terra a seguito di una misteriosa nube (purpurea) che uccide tutti, lasciandoli immobili come “congelati”, si aggira per il pianeta cercando di comprendere il perchè di questa nube. Il protagonista passa da un delirio all’altro di una solitudine agghiacciante, affollata di cadaveri e di relitti. Le vicende del romanzo si svolgono dopo la fine del mondo, provocata da questa catastrofe arcana e demoniaca, che estingue l’umanità conservandola immobile come un infinito museo di cere, imbalsamata mentre si diffonde ovunque un delicato profumo di pesca. Il romanzo di Shiel, pubblicato nel 1901, riscoperto una prima volta, in America, nel 1928 e poi nel 1948, è senza ombra di dubbio il suo capolavoro.

Ecco la nube di stamattina ben simboleggiava quello che sta succedendo sul cielo di Lombardia, dove da anni si costruisce indiscriminatamente, ovunque, dove si realizzano arterie di traffico, solamente per creare nuovo inquinamento, nuove micropolveri sottili. Per mesi, quando si respira e l’inquinamento è basso, si fa finta di non vedere, si volge lo sguardo da un’altra parte, poi a dicembre, gennaio, febbraio, quando l’aria diventa irrespirabile, allora ci si ricorda che l’inquinamento esiste, che forse è un problema di salute pubblica. Ci si ricorda che si muore nell’area metropolitana milanese, per malattie dell’apparato respiratorio, con una percentuale del 15-20% maggiore, che in qualunque altra parte d’Italia. Ecco che allora i 459 chilometri di autostrade attualmente in costruzione in Lombardia, pronte per il 2020, diventano l’espressione reale del delirio fantascientifico di Shiel. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, lentamente ci stiamo uccidendo, creando continuamente nuove occasioni per aumentare quei traffici congestionati, che sono la fonte principale di produzione delle micropolveri sottili che ci soffocano.

Articolo de il Cambiamento
Articolo de La Repubblica

Eppure, è proprio oggi, prima che l’evento si ripresenti con mortale attualità, che bisognerebbe discutere sul dà farsi, dei provvedimenti da adottare. Invece, si preferisce, magari discutere sull’eticità del fumo di sigaretta, piuttosto che affrontare i veri problemi. Eppure molte di queste arterie attualmente in costruzione servono proprio a garantire accessibilità rapida e veloce alle aree di Expo 2015, a rendere appetibili aree e terreni fino ad ora salvaguardati dalla cementificazione, come ben si evince dalla mappa sottostante.

Con il rispetto del copyright delle immagini selezionate

Questa voce è stata pubblicata in Expo 2015, Inquinamento. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...